Basta con le chiacchiere!

“Sì, ma è meglio investire in quello strumento che rende il 15%all’anno” “Anzi è meglio non rischiare troppo, hai visto che tonfo che ha fatto la borsa nell’ultimo mese”? ”Sì ma attento ai costi”?  Finiamola di fare soltanto “chiacchiere”, i dubbi sono leciti e disquisire sul come investire è una cosa corretta ma ad un …

Basta con le chiacchiere! Leggi altro »

1.800 miliardi di euro!

Attualmente sui conti correnti degli italiani ci sono circa 1.800 miliardi di euro, una cifra enorme.

Ma perché ci troviamo in questa situazione?

E’ una scelta saggia quella di detenere grandi quantità di denaro sul conto corrente?

Non perdiamo la rotta!

Il mercato “toro” come viene definito dagli operatori del settore fa abbassare la guardia, infonde una errata tranquillità che spinge gli investitori oltre il proprio confine personale di tolleranza al rischio, accade l’esatto opposto di ciò che dovrebbe essere il comportamento corretto, cioè investire quando i mercati scendono o comunque oscillano maggiormente approfittando della variabilità dei prezzi ad esempio tramite un piano di accumulo.

Il tuo migliore alleato negli investimenti? Il tempo.

Il tuo migliore alleato negli investimenti? Il tempo.

Ora voglio spiegarti per quale motivo “il tempo” in generale è un aspetto fondamentale negli investimenti.

Alle persone che mi chiedono un parere sui propri investimenti dico sempre che “Chi prima comincia è a metà dell’opera” lo so il detto è un po’ diverso ma questo rende bene il concetto che deve passare. Ora ti dimostro il perché sia così importante iniziare a prendersi cura delle proprie finanze il prima possibile.

Il tempo ci aiuta a sfruttare al massimo la “magia dell’interesse composto”, perché questo effetto entra in gioco sui lunghi periodi, vediamo in che modo.

I momenti difficili creano uomini forti

Robin Knox-Johnston concluse un viaggio straziante di 315 giorni in mare. In tal modo, è diventato la prima persona a navigare da solo, senza fermarsi, in tutto il mondo. Questa era un’impresa che molti pensavano fosse impossibile. Nove velisti parteciparono alla regata del giro del mondo nel 1968, ma solo #Knox-Johnston arrivò fino in fondo.

La prima parte del suo viaggio fu piuttosto tranquilla e piacevole, i mari gli permisero di godere di scenari mozzafiato e momenti che non avrebbe mai più dimenticato, ma ci furono dure prove lungo la strada.

Per quale motivo voglio raccontarti questa storia?

Perché prendersi cura dei propri risparmi investendo è un po’ come navigare il mare dei mercati finanziari.

Un consiglio per creare ricchezza? “Stai zitto e aspetta”

“Shut Up and wait” come dicono gli americani, questo è uno dei consigli più sensati che si possano ricevere e che bisogna seguire, per la creazione di ricchezza.

Il problema è che farlo non è così facile.

L’idea di investire e mantenere il proprio portafoglio di alta qualità per un lungo periodo di tempo è semplice, ma in pochi riescono realmente a metterlo in pratica.

Come fare?

Cuciniamo un buon portafoglio d’investimento!

La ricetta perfetta per pianificare?

In cucina per fare un buon piatto bisogna porre la propria attenzione ad alcuni aspetti, come ad esempio, sapere se si vuole realizzare un primo, un secondo o un piatto unico, quindi bisogna identificare un OBIETTIVO preciso, a quel punto devo sapere quanto TEMPO ho a disposizione per tutte le varie preparazioni, dopo di che bisogna BILANCIARE correttamente tutti gli ingredienti. Nella Pianificazione finanziaria è la stessa cosa.

Come funziona il mercato azionario?

Molte persone paragonano il mercato azionario a un casinò, ma in un casinò le probabilità sono contro il giocatore.

Più a lungo ci giochi, maggiori sono le probabilità che ne uscirai da perdente perché il banco vince in base alla pura probabilità.

È esattamente l’opposto nel mercato azionario che va ben ponderato all’interno di ogni portafoglio a seconda dell’obiettivo da raggiungere nel tempo.

Il punto rimane che nel lungo periodo il mercato azionario non ha rivali quando si tratta di far crescere i propri risparmi.

Se vuoi scoprire di più, leggi l’articolo.

Arrestato un Broker. Una truffa che si poteva evitare?

Una delle prime domande da porsi è: perché succedono cose del genere?

In primo luogo va sicuramente condannato il comportamento del soggetto in questione, una truffa è un metodo subdolo e ingiustificabile per arricchirsi.

Però è anche vero che le furbate attecchiscono laddove ce n’è richiesta, se vi ostinate a cercare soluzioni d’investimento con alti rendimenti e rischio molto contenuto, purtroppo sarete sempre attratti da personaggi poco seri che pur di arricchirsi vi faranno credere di tutto.

Spesso gli investitori tendono a delegare il 100% del loro piano, delle loro scelte alla Banca o al Consulente di turno, invece di sforzarsi e capire cosa sta facendo dei propri risparmi e in cosa sta investendo.
Non bisogna diventare degli esperti finanziari ma semplicemente almeno capire a grandi linee il piano e gli strumenti che si utilizzeranno con i loro pro e contro.

La consapevolezza è una delle poche armi davvero efficaci contro le truffe o una mala gestione.

La regola dell’1% per cambiare la tua vita

La regola dell’1% per cambiare la tua vita

I giapponesi hanno parlato per secoli di Kaizen, che significa “piccoli miglioramenti continui”.

La regola dell’1% ci spiega che invece di cercare di apportare cambiamenti radicali in un breve lasso di tempo, dovresti apportare piccoli miglioramenti quotidianamente.

Mi piace riferirmi alle abitudini di vita come all’interesse composto dell’auto-miglioramento, allo stesso modo in cui il denaro si moltiplica attraverso di esso, gli effetti delle tue abitudini si moltiplicano man mano che le ripeti nel tempo.

Se vuoi approfondire l’argomento, puoi leggere l’articolo.

I dati, le opinioni, e, in generale, i contenuti del presente sito/blog hanno carattere esclusivamente informativo e non rappresentano una “sollecitazione all’investimento” o una offerta, né una raccomandazione all’acquisto o alla vendita di strumenti finanziari e/o di qualsiasi tipologia di servizi di investimento ai sensi dell’art. 1, comma 1, lett. t) del D.Lgs. 58/1998.